GERALD PIERRARD

GERALD PIERRARD – CRAMANT (Cramant Grand Cru – Cote des Blancs)

UN MAESTRO DELLE CUVÉE, UNA PICCOLA VIGNA

Pierrard1

Una storia che vale la pena di raccontare quella di Gérald Pierrard. Una vita passata ad assaggiare e selezionare “vin clairs” (le basi spumante) per alcune delle Maisons più famose della denominazione, non ultima Veuve Clicquot Ponsardin. Poi ecco il sogno trasformarsi in realtà; un anziano contadino di Cramant gli propone la conduzione di un piccolo Clos noto come Les Hautes Bauves (qualche filare di vigna a chardonnay) e lo Chef De Cuvèe ha l’occasione di trasformarsi in Recoltant Manipulat. Ai giorni nostri Gérald assieme alla moglie vinifica con massima cura le uve di questa piccola parcella di vigneto, poco più di un ettaro posto sulle colline sopra le case di uno di Village Grand Cru più celebrarti di tutta la Cote des Blancs: Cramant.

Una produzione di poco meno di 6.000 bottiglie all’anno, una goccia dl mare dello Champagne, realizzate solo quando la qualità delle uve è pari alle aspettative di Gérald, altrimenti la vendita ad uno dei tanti Negotians. Segue un lunghissimo affinamento sui lieviti (non meno di 6-7 anni), nello stile delle Maisons più blasonate e delle loro cuvée più importanti, a rimarcare la sua convinzione che lo Champagne è un grande vino “da invecchiamento” e non certo una banale bevanda gasata.

LO STILE PIERRARD   (AGRICOLTURA SOSTENIBILE) Gérald ama definire le uve del suo piccolo vigneto come la “creme de Cramant” ovvero la massima espressione dello chardonnay in una terra unica, composta da una vena di gesso profonda decine e decine di metri. L’esperienza maturata in oltre trent’anni di assaggi si legge nella capacità di dare un raro equilibrio ai suoi Champagne, pensati “per la tavola”, di ottimo spessore, rotondi e ricchi ma mai stanchi e seduti.  Un piccolo artigiano che lavora con la precisione di una grande Maisons.

 LE NOSTRE SCELTE

Pierrard brutBRUT GRAND CRU BLANC DE BLANCS CRU    100% uve chardonnay Grand Cru, raccolte in piccolissime parcelle, tutte nel comune di Cramant. La base spumante è il frutto di un assemblaggio di tre vecchie vendemmie (60% vino d’annata, 40 Vin de Réserve) maturate solo in acciaio. Malolattica svolta e sosta sui lieviti di non meno di 60 mesi.  Dosaggio finale di circa 8 gr./litro, con una “liqueur” preparata all’antica (zucchero e vino).

Il commento: Con al naso delicate di cioccolato bianco, vanta sul palato una bollicina di incredibile finezza. Ricco, pieno, di notevole lunghezza gustativa. La bottiglia giusta per chi cerca “il vino” oltre le bollicine dello Champagne.



BRUT GRAND CRU MILLESIME 2005 LES HAUTES BAUVES
    100% uve chardonnay Grand Cru, raccolte in un singolo Lieu-Dit (ovvero una piccola parcella di vigneto di particolare pregio) nel comune di Cramant. Frutto di una annata forse poco celebrata ma di assoluto valore valore per lo chardonnay di Cramant, ha una base maturata parte in acciaio, parte in legno piccolo usato, con malolattica svolta parzialmente. Sosta sui lieviti di ben 120 mesi (sboccatura avvenuta nel ottobre 2016). Dosaggio alla sboccatura di 7 gr./litro, con “liqueur” preparata all’antica (zucchero e vino)

Il commento: Il compendio dei suoi due precedenti millesimati: ricco e maturo al naso quale il 2000 (con suadenti note di frutto tropicale), tonico e scattante sul palato dove la struttura trova sollievo in finale fresco e di buona acidità come nella 2002. La conferma delle capacità di Gérald nell’interpretare al meglio lo Chardonnay di Cramant.